RADIO PROGRAMMI REDAZIONE FREQUENZE PUBBLICITA' ABBONATI CONTATTI LINKS
NEWS | METEO | NEON | CONCERTI | MUSICA | SPECIALI | PIAZZA | SONDAGGI | ARCHIVIO
  Animosi: ecco il cartellone della stagione di prosa
L'assessore Bernardini punta a soddisfare i gusti di vari tipi di pubblico. Invariati i prezzi di biglietti e abbonamenti
Carrara - Qualità e ricchezza di proposte: sono queste le parole d’ordine scelte dall’assessore alla Cultura del Comune di Carrara Giovanna Bernardini e da Simonetta Pecini presidente della Fondazione Toscana Spettacolo, per presentare la stagione di prosa del Teatro degli Animosi di Carrara. Un cartellone che dopo essere stato “accorciato” lo scorso anno per consentire alcuni lavori alla struttura di piazza Battisti, torna in versione lunga, con 12 rappresentazioni che accompagneranno gli amanti della drammaturgia dal 3 novembre fino al 4 aprile. E nonostante la stagione più lunga il prezzo di abbonamento e biglietti, ha promesso l’assessore Bernardini, rimarrà invariato.
Ma vediamo insieme nel dettaglio il cartellone:

Lo spettacolo che apre la stagione è LA SIGNORINA GIULIA (3 e 4 novembre, inizio ore 21 come per tutti gli spettacoli), uno fra i drammi più intensi di August Strindberg: l’intreccio amoroso tra Giulia e il servo Jean diviene un pretesto per rappresentare la lotta cinica e spietata tra l’aristocrazia, ormai in declino e i più poveri pronti a tutto per impossessarsi del potere. L’allestimento dello spettacolo è affidato alla sapiente regia di Armando Pugliese, e vede come protagonista nel ruolo della signorina Giulia una espressiva Vanessa Gravina a fianco della quale è un incisivo Edoardo Siravo nel ruolo di Jean. Lo spettacolo è prodotto da Teatro Stabile d'Abruzzo/Indie Occidentali srl.

Il secondo appuntamento è invece dedicato alla danza con SIRCUS (13 e 14 novembre), presentato da I Botega, una performance in cui il coreografo e anche regista Enzo Celli riesce a mescolare in modo originale hip hop, danza contemporanea, acrobazie e giocoleria.

Con SINFONIA D’AUTUNNO (20 e 21 novembre) di Ingmar Bergman, il regista Maurizio Panici fa incontrare due attrici di grande carisma e straordinaria bravura: Rossella Falk e Maddalena Crippa per la prima volta insieme, per dare voce alla particolare storia di una madre e una figlia, raccontata con crudezza da uno dei più grandi maestri e esploratori di sentimenti che il secolo scorso ci ha regalato. Lo spettacolo è realizzato da Argot produzioni.

Tullio Solenghi conferma la sua forte vocazione di attore di teatro tornando a calcare le scene con LE NOZZE DI FIGARO, uno dei capolavori di Beaumarchais. La regia dello spettacolo viene firmata da Matteo Tarasco interessato a cogliere gli elementi di critica sociale nascosti in una commedia dal linguaggio colorito e contornata da situazioni farsesche. La produzione è Compagnia Lavia.

A venti anni di distanza dal primo Benvenuti in casa Gori, Alessandro Benvenuti ne porta in scena l’epilogo con ADDIO GORI (11 e 12 dicembre, produzione Benvenuti s.r.l./Associazione Teatrale Pistoiese) avvalendosi ancora della scrittura scenica di Ugo Chiti per narrare un’ultima volta le vicende dei personaggi che lo hanno reso celebre.

È una storia tutta al femminile a segnare il debutto nella scrittura teatrale della regista cinematografica Cristina Comencini . In DUE PARTITE (5 e 6 gennaio) l’autrice cerca di analizzare due epoche e due modi diversi di essere donne, paragonando un gruppo di amiche negli anni Sessanta alle loro figlie oggi, per chiedersi in che modo l’identità femminile sia cambiata nel corso del tempo. Le quattro protagoniste sono Chiara Noschese, Stefania Felicioli, Susanna Marcomeni, Sara Bertelà, lo spettacolo è presentato da Noctivagus.

Originale la scelta di Luca Zingaretti. L’attore, diventato famoso per aver dato il volto al Commissario Montalbano di Camilleri, prosegue nella scelta di autori siciliani con la lettura scenica accompagnata da musiche di LA SIRENA (17 e 18 gennaio), tratta dal racconto Lighea di Tomasi di Lampedusa. La storia è quella di un giovane laureato e un vecchio professore, entrambi siciliani, che si incontrano a Torino per poi instaurare un rapporto d’amicizia e di scambio intellettuale, dove la Sicilia emerge come terra evocata dai mille profumi e sapori. Lo spettacolo è una produzione Zocotoco srl.

Ancora un classico della tradizione teatrale italiana viene riletto e messo in scena da una grande regista cinematografica: si tratta de LA VEDOVA SCALTRA (23 e 24 febbraio) di Carlo Goldoni. La regia di Lina Wertmüller e la presenza di Raffaella Azim nel ruolo del titolo, insieme alla partecipazione di Gianni Cannavacciuolo nelle vesti di Arlecchino, fanno sì che la proposta desti grandi aspettative che saranno certamente soddisfatte. Lo spettacolo è una coproduzione Associazione Teatrale Pistoiese e La Biennale di Venezia.
 
Di un altro genere è TUTTA COLPA DI GARIBALDI (1 e 2 marzo), uno spettacolo, pensato e scritto da Gioele Dix, Nicola Fano e Sergio Fantoni, sulle peripezie tragicomiche di un autore-attore, impersonato da Gioele Dix, al quale è stato commissionato l’allestimento di un testo celebrativo su Garibaldi. Il risultato è uno spettacolo brillante che fa anche riflettere sulle nostre radici di cittadini italiani, produzione La Contemporanea S.r.l./Giovit srl.

FINALE DI PARTITA (15 e 16 marzo) è il dramma di Samuel Beckett diretto e interpretato da un attore e regista molto amato a Carrara,  Franco Branciaroli, il quale rende omaggio ad uno dei testi più profetici e visionari del grande drammaturgo irlandese, di cui da poco si è celebrato il primo centenario della nascita. La produzione è Teatro de Gli Incamminati.

A concludere la stagione è L’ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO (3 e 4 aprile), il testo vincitore del Premio Pier Vittorio Tondelli 2005/Premio Riccione, scritto dal giovane emergente pluripremiato drammaturgo e regista toscano Stefano Massini.  La storia raccontata è quella del pittore Vincent Van Gogh nel periodo in cui questo si trova recluso nel manicomio di Saint-Paul. La vicenda personale dell’artista diventa così un pretesto per l’autore di affrontare il mondo del disagio psichico. la produzione è Teatro Metastasio Stabile della Toscana.

Infine fuori abbonamento, il 17 febbraio andrà in scena L’ENRICO IV di Luigi Pirandello nell’allestimento del carrarese Andrea Battistini; il regista afferma di essere sempre stato attratto dal testo del drammaturgo siciliano, tanto da volersi cimentare in un adattamento mirato a mantenere intatta l’assolutezza della tragedia pirandelliana. La produzione è della compagnia Teatro di Castalia.


Ultimo aggiornamento ore 19:48 del 17.09.07 | redazione
Versione stampabile
Segnala ad un amico!

12:10
19.09.09
PUBBLICATO IL NUOVO SITO: www.contattoradio.it
12:51
17.08.09
65esimo Anniversario dell'eccidio di Castelpoggio
17:09
07.08.09
Politeama sotto sequestro
16:14
04.08.09
PartyCipiamo: incontro sul bilancio partecipato del Comune di Massa
15:49
29.07.09
UP! Urla Padula Festival va in città
09:10
27.07.09
Fino al cuore della rivolta
11:55
22.07.09
Intervista con Lorenzo Guadagnucci
19:09
11.07.09
Il Meeting Antirazzista fa tappa a Livorno
09:58
15.06.09
Ciao Ivan
12:14
28.05.09
THE TRIP: festa anni '60 e '70, sabato 6 giugno
 

 

Design/Codice
Diemmedi
Progetto
Contatto Radio


© 1999 - 2017 Circolo culturale Radio Attiva Arci Nuova Associazione
Note legali | Crediti | Redazione web